CONTRIBUISCI ALLA CAUSA
Ci serve il tuo aiuto, indipendentemente che tu sia a favore o contro la legalizzazione! L’importante è avere un giudizio che abbia basi scientifiche e oggettive. In questo questionario troverai diverse domande, che fotografano diversi momenti, dall’approvvigionamento al consumo dei  fiori di Cannabis, che ci permetteranno di capire le situazioni che i consumatori devono affrontare in Italia e la loro opinione a riguardo. Se alcune domande ti sembrano troppo invadenti non rispondere e passa a quelle successive! Il sondaggio è al 100% anonimo, infatti non ti chiederemo la tua email o il tuo contatto.
Grazie alle informazioni che otterremo creeremo un report che pubblicheremo online a disponibilità delle istituzioni e di tutti voi.

 

Legalizzazione della Cannabis, cosa ne pensi?

Origini e motivazioni
La cannabis, popolarmente conosciuta con il termine Marijuana, appartiene alla famiglia delle Cannabaceae. Questa pianta viene utilizzata in tutto il mondo sia per scopi medicinali sia per scopi ricreativi. Le famigerate proprietà psicoattive sono dovute alla presenza del tetraidrocannabinolo (THC), solo 1 degli oltre 480 composti presenti nella pianta. Esistono innumerevoli modi per consumare marijuana, come fumare o vaporizzare i fiori, e sappiamo con certezza che cibi e bevande a base di marijuana vengono consumati sin dal 1000 a.c
La marijuana, attraverso una campagna di diffamazione priva di basi scientifiche, ha ottenuto una terribile reputazione nel corso degli anni. La maggioranza dell’opinione pubblica la considera nient’altro che una droga per ‘sballarsi’. Sebbene la marijuana abbia accompagnato l’uomo nel corso dei secoli, pochissime persone la capiscono nella sua interezza. Uno dei motivi principali per cui molte persone sostengono a gran voce di voler vietare la marijuana è dovuto al numero di miti e incomprensioni che la circondano. La buona notizia è che le cose stanno lentamente cambiando. Nel corso degli anni, vari studi condotti in tutto il mondo hanno riscontrato molteplici benefici medici derivanti dall’uso di marijuana e l’opinione pubblica è cambiata in positivo negli ultimi anni. Con questo articolo non vogliamo convincere nessuno, vogliamo solamente fornirti informazioni oggettive, sarai tu a trarne le conclusioni. Se quanto leggerai di seguito ti spingerà ad informarti ulteriormente avremo raggiunto il nostro scopo:)
Non è mai stata registrata una overdose di marijuana dall’inizio della storia dell'umanità
Come dicevamo poco fa, uno dei miti più popolari sulla marijuana che ancora circolano è che un overdose di marijuana può uccidere una persona. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Studi recenti mostrano che una persona dovrebbe consumare 20.000-40.000 volte la quantità di THC in una “canna” nel giro di mezz’ora per morire a causa di un sovradosaggio. Ad oggi, non è stato registrato nemmeno una singola morte a causa di un’overdose di marijuana.
Questo la rende più sicura di molte droghe legalizzate attualmente in circolazione

 

Uno studio condotto da un team di esperti di droghe nel Regno Unito ha scoperto che la marijuana ha effetti collaterali minori rispetto a molte altre popolarissime sostanze. I ricercatori hanno scoperto che i rischi per la salute, posti dalla marijuana, sono molto inferiori a quelli associati al consumo di alcol e tabacco. Ricordiamo che l’alcol è la causa diretta o indiretta di migliaia di morti in tutto il paese ogni anno, e non sono solo legati ad incidenti stradali. Diversi sostenitori della marijuana credono che, aver legalizzato e protetto droghe decisamente più dannose, possa mettere in seria discussione la credibilità degli avvertimenti sui rischi dell’abuso di sostanze.
 
I rischi della marijuana sono considerati da bassi a medi. Molti esperti di salute ritengono che anche se il consumo di marijuana aumentasse ai livelli di alcol e tabacco, gli effetti negativi sulla salute pubblica sarebbero molto meno drastici rispetto a queste due sostanze.

Sfatiamo un altro mito, la marijuana non crea dipendenza come molte persone pensano

Molte persone pensano erroneamente che se avessero provato la marijuana una volta, ne sarebbero rimasti dipendenti. Questo non è vero, ed è uno dei tanti miti che circondano la marijuana. Uno studio ha rilevato che la dipendenza dalla marijuana è solo del 9-10% negli adulti. Lo studio dimostra che il tabacco, con il suo 30%, è la sostanza che crea più dipendenza.

La cannabis può aiutare con l'insonnia

Molte varietà di marijuana si dimostrano promettenti nel trattamento dei disturbi del sonno. Negli Stati Uniti, il National Cancer Institute ha condotto uno studio su un gruppo di persone affette da disturbi del sonno, le quali hanno tutte riferito di dormire più pacificamente dopo aver ingerito uno spray a base di estratto di pianta di cannabis.

Non è una droga di passaggio

Molti detrattori della marijuana affermano che le persone che provano la marijuana sono destinate a iniziare a usare le droghe cosiddette “pesanti”. In realtà, la maggior parte delle persone che consumano marijuana non fanno uso di altre sostanze. Uno studio ha scoperto che le persone che usano la marijuana prima di provare sostanze più “pesanti”, lo fanno per correlazione e non causalità. Gli individui che fanno uso di droghe pesanti provano anche l’alcol e il tabacco prima di passare a qualcosa di più potente.

Benefici medici
Sì! Hai letto bene. La marijuana può aiutare ad alleviare i sintomi associati a una serie di condizioni di salute. È prescritta da medici di tutto il mondo a pazienti affetti da nausea e può aiutare le persone con HIV / AIDS a superare lo scarso appetito. La marijuana è nota per rilassare la tensione muscolare, gli spasmi e aiutare a gestire il dolore cronico. Alcuni altri benefici medici della marijuana includono:
 
  • Studi recenti sembrano dimostrare proprieta anti-tumorali del CBD
  • Uno studio ha scoperto che l’uso di marijuana può aiutare a controllare le crisi epilettiche
  • Aiuta ad alleviare il dolore nella sclerosi multipla
  • I composti endocannabinoidi nella marijuana possono aiutare ad alleviare i sintomi della depressione
  • Può aiutare ad alleviare i sintomi per le persone affette dal morbo di Parkinson
  • Può aiutare a migliorare le prestazioni cognitive e la concentrazione nelle persone con ADHD / ADD
  • L’endocannabinoide contiene antinfiammatori noti per combattere l’infiammazione cerebrale che causa il morbo di Alzheimer
  • Può aiutare a far fronte al dolore associato all’artrite
  • Aiuta con il morbo di Crohn
  • Può aiutare ad alleviare i sintomi della sindrome di Dravet
 
La marijuana ha un effetto calmante sull’individuo che la consuma. Aiuta a controllare l’umore e può essere utilizzato per il trattamento di bambini con autismo.
Motivi economici
Se dovessimo fare un elenco esaustivo di ragioni economiche per cui legalizzare la marijuana, un articolo non sarebbe sufficente. Abbiamo preso queste informazioni dagli Stati Uniti, dove già da qualche anno (in alcuni stati) la Marijuana è legale sia per scopo medico che ricreativo:
 
Più entrate per il governo
 
Uno studio condotto condotto negli Stati Uniti nel 2017 ha rilevato che la legalizzazione della marijuana a livello federale quell’anno avrebbe comportato una generazione di $ 131,8 miliardi di entrate fiscali da raccogliere tra il 2017 e il 2025. Grazie a un’aliquota fiscale di picco ridotta, questa stima è diminuita. Tuttavia, il governo sarebbe stato comunque in grado di generare oltre $ 10 miliardi ogni anno.
 
La legalizzazione può aiutare a ridurre i costi delle forze dell’ordine
 
Sempre negli USA il governo federale spende ogni anno circa 4 miliardi di dollari per far rispettare le leggi sulla marijuana. Legalizzare la marijuana aiuterebbe a ridurre questi costi. Inoltre, rimuovere la marijuana dall’elenco delle sostanze controllate aiuterebbe a ridurre i costi associati ai casi giudiziari che vanno in giudizio.
 
Creazione di lavoro
 
La legalizzazione della marijuana può aiutare a creare milioni di posti di lavoro in tutto il mondo e decine di migliaia in Italia. La legalizzazione della marijuana aumenterà la domanda di professionisti in grado di coordinarsi con agricoltori, trasformatori, rivenditori e distributori. La legalizzazione andrà anche a vantaggio di istituti di credito, costruttori specializzati nello sviluppo di punti vendita al dettaglio e attori in qualsiasi altro settore che si rivolge all’industria della cannabis.
 
È solo questione di tempo prima che i governi di tutto il mondo si rendano conto che legalizzare la marijuana è la cosa giusta da fare. In WeedYouLike, siamo impegnati nel movimento per la legalizzazione della marijuana e nel prossimo futuro investiremo molte nostre risorse per poter raggiungere questo traguardo insieme a tutti voi e le associazioni che ogni giorno si battono per questo scopo. Più persone faranno parte della nostra famiglia e più riusciremo ad esprimere il nostro impatto positivo sulla nostra comunità, sulla società e sull’ambiente.
LE ARGOMENTAZIONI TRATTATE IN QUESTO ARTICOLO NON DEVONO ESSERE INTESE COME CONSULENZA MEDICA. QUALSIASI DISCUSSIONE SUI POTENZIALI USI MEDICI, BENEFICI DELLA CANNABIS O DEL CBD È INTESA PER INCORAGGIARVI ALL’INFORMAZIONE, RICORDATEVI DI CHIEDERE SEMPRE UNA CONSULENZA AL VOSTRO MEDICO CURANTE.
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoScropri di più